CasentinoNotizie

La nuova legge sul testamento biologico. Incontro con Mina Welby a Bibbiena

Dopo oltre 30 anni di dibattito in Parlamento e nel paese, anche l'Italia - ultima in Europa - ha la sua legge sul Biotestamento. La legge 22 dicembre 2017 n.219 si intitola “Norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà...

mina-welby1

Dopo oltre 30 anni di dibattito in Parlamento e nel paese, anche l'Italia - ultima in Europa - ha la sua legge sul Biotestamento. La legge 22 dicembre 2017 n.219 si intitola “Norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari” è composta da 8 articoli e entra nel merito della libertà e dei limiti del diritto all’interruzione delle terapie, che finora doveva passare dai tribunali, nell'ipotesi in cui il soggetto interessato sia divenuto incapace di esprimere in tal senso la propria volontà.

Di questo se ne parlerà in una tavola rotonda promossa e organizzata da Rotary Club Casentino, Fidapa Casentino e Lions Club casentino il prossimo mercoledì 11 aprile alle ore 21 presso il Teatro Dovizi di Bibbiena.

Oltre ai saluti (Daniele Bernardini Sindaco Comune di Bibbiena, Graziella Bruni Presidente Fidapa Casentino, Andrea Squillantini Presidente Lions Club Casentino, Alberto Ricci Presidente Rotary Club Casentino, Massimilla Brogi AMI Casentino), interverranno per aprire il dibattito Mina Welby Presidente Associazione Luca Coscioni con la relazione “La lunga marcia dell'autodeterminazione terapeutica”, Gianni Baldini presidente AMI Toscana “Prime riflessioni sulla legge 219/17”, Francesco Pasetto sacerdote “Principi e regole del fine vita”.

All’articolo 1 la legge precisa lo scopo perseguito: «tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all’autodeterminazione della persona»; stabilisce che nessun trattamento sanitario possa essere iniziato o proseguito senza il consenso «libero e informato» della persona interessata. In previsione di una futura incapacità a decidere o a comunicare, consegue la possibilità di stabilire in anticipo attraverso le disposizioni anticipate di trattamento (DAT) a quali esami, scelte terapeutiche o singoli trattamenti sanitari dare o non dare il proprio consenso. La nutrizione artificiale e l’idratazione artificiale vengono considerati trattamenti terapeutici.

La legge ribadisce infine che «nei casi di paziente con prognosi infausta a breve termine o di imminenza di morte, il medico deve astenersi da ogni ostinazione irragionevole nella somministrazione delle cure e dal ricorso a trattamenti inutili o sproporzionati».

Questo il quadro normativo attorno al quale si muoverà il dibattito, ma oltre questo ci sono interrogativi insieme di carattere normativo ma anche etico e filosofico. Quale il ruolo assegnato dalla legge alla volontà dell'interessato espressa 'ora per allora'? E al medico titolare del 'dovere di curare', al fiduciario designato dal paziente di attuare la sua volontà? Esiste un diritto all'obiezione di coscienza?

Il tema è delicato perché non riguarda solo il diritto, si tratta, infatti di disporre della propria vita entro delle condizioni di dignità minima. La riflessione sul legame tra il singolo e la morte è un argomento complesso quanto quello del rapporto tra il medico e il paziente che, in questi casi, si troverebbe dunque di fronte alla possibilità di dover porre fine ad una vita, piuttosto che a quella di salvarla o quantomeno prolungarla nel migliore dei modi possibili.

Con la nuova legge e soprattutto le conseguenze che ne deriveranno si spera possano essere evitate situazioni estreme e lesive della dignità umana come quella di Dj Fabo, costretto a morire lontano da casa (e con un notevole esborso economico) per esercitare un diritto non concessogli dal suo paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accanto alle riflessioni di carattere giuridico introdotto dal professor Baldini e all’esperienza di Mina Welby, ci sarà anche Francesco Pasetto, un sacerdote che su questo aspetto si è più volte espresso in maniera del tutto singolare rispetto al mondo cattolico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento