CasentinoNotizie

Insieme a difesa della biodiversita attraverso la tutela del lupo. L'accordo tra Foreste casentinesi e fondazione Capellino

Le aziende che hanno aderito al progetto sono "Casa Pallino",  "Casa Righi" e "Del Monastero" di Pratovecchio Stia e "Le Casine", L’Eremo", e "Podere la Greta" di San Godenzo

L’ente Parco nazionale delle Foreste Casentinesi e la fondazione Capellino, hanno rinnovato per altri tre anni un accordo di collaborazione, già in atto dal 2017, che ha come obiettivo la mitigazione del conflitto tra gli allevatori che operano nell’area protetta, a cavallo delle province di Arezzo, Firenze e Forlì-Cesena, e il lupo (Canis Lupus).

Il fine ultimo è la preservazione della biodiversità locale ed in particolare la tutela di questo predatore, con gli allevatori che diventano parte attiva e principali tutori, anche attraverso il corretto utilizzo del cane da guardiania come principale strumento di difesa dalle predazioni. Le attività agricole e zootecniche del territorio aderenti al progetto hanno un doppio valore: la qualità biologica, che deriva dalla naturalezza dell'ambiente, delle loro produzioni e la qualità etica che queste acquisiscono grazie al rispetto dell'habitat che questi produttori* praticano nell'interesse di tutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La collaborazione rientra nell’ambito del progetto “Humans and Wildlife” della Fondazione Capellino, ente commerciale senza scopo di lucro, finanziariamente indipendente, che si autofinanzia attraverso il progetto Almo Nature (azienda 100% di sua proprietà). L’obiettivo della fondazione è la salvaguardia della biodiversità, con particolare attenzione agli habitat dei grandi mammiferi e dei predatori minacciati dall’espansione delle attività umane. Per raggiungere questo obiettivo la fondazione, tra le altre cose, supporta l’emancipazione economica delle aziende zootecniche che aderiscono a progetti di tutela della biodiversità e degli habitat dei grandi predatori. La collaborazione tra l’ente Parco nazionale delle Foreste casentinesi e la fondazione Capellino, nell’ambito del progetto “Il cane da guardiania nel Parco nazionale delle Foreste casentinesi”, coinvolge al momento 24 cani da guardiania dislocati in sei aziende agricolo-zootecniche. La Fondazione, da settembre 2017, garantisce il mantenimento e la corretta alimentazione dei cani, donando all’ente parco in questi anni circa 7.000 chili di mangime Almo Nature per i cani, che sono stati consegnati agli allevatori che hanno aderito al progetto.
L’Ente inoltre provvederà, nell’ambito del progetto, oltre all’assistenza tecnica e veterinaria, a dare una corretta informazione ai fruitori del territorio circa la presenza di tali cani, delle loro caratteristiche etologiche e riguardo al comportamento da seguire in caso di incontro. Le aziende che hanno aderito al progetto sono "Casa Pallino",  "Casa Righi" e "Del Monastero" di Pratovecchio Stia e "Le Casine", L’Eremo", e "Podere la Greta" di San Godenzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento