CasentinoNotizie

La zona di pesca a regolamento specifico Capodarno diventa realtà

A Pratovecchio Stia la pesca diventa lo strumento per la tutela dell’ambiente e la promozione del territorio

"Per mezza Toscana si spazia un fiumicel che nasce in Falterona e cento miglia di corso nol sazia..". Così Dante Alighieri descriveva l’Arno nel XIV Canto del Purgatorio. Siamo in Casentino nel territorio del comune di Pratovecchio Stia. Qui nasce l’Arno che, a pochi chilometri dalle sorgenti sul monte Falterona, si presenta ancora come un piccolo corso d’acqua con acque cristalline e incontaminate, cascate e correnti, da sempre regno della regina dei torrenti: la trota.

Un contesto storico e ambientale unico, alle porte del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dove sabato 27 giugno aprirà i battenti la zona di pesca a regolamento specifico “Capodarno”, nata dal progetto Vivere il Fiume presentato dal Comune di Pratovecchio Stia e finanziato dalla Regione Toscana con il Bando per la Promozione dei Contratti di Fiume.

Sotto i castelli di Porciano e Romena, che nel Medioevo presidiavano l’alta valle dell’Arno, sarà possibile praticare la pesca alla trota nel rispetto di specifiche regole finalizzate alla promozione dei valori della pesca e alla salvaguardia del patrimonio ittico presente nel fiume Arno e nel torrente Staggia.

La zona di pesca interessa il fiume Arno per circa 5 km tra Pratovecchio e Stia, con due distinti tratti. Il primo, a valle, aperto a tutte le tecniche, il secondo, a monte, riservato alle tecniche con esche artificiali e rilascio obbligatorio del pescato (no kill).  Nel torrente Staggia, all’interno del centro abitato di Stia, è invece istituita una zona di protezione destinata alla salvaguardia e alla riproduzione della fauna ittica. Al fine di limitare la pressione alieutica e favorire una pesca sostenibile è stato istituto il numero chiuso, con 18 pescatori al giorno suddivisi in due turni, mattutino e pomeridiano.

L’avvio della pesca è frutto di un lungo percorso portato avanti dai vari partner del progetto, in particolare dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno e dall’Asd Pescatori Casentinesi, con interventi di bonifica e pulizia del fiume, ripopolamenti, formazione di guardie ittiche volontarie e attività di educazione ambientale con gli alunni della scuola primaria “Paolo Uccello”. E proprio i ragazzi sono la più grande scommessa del progetto. Per loro in programma varie iniziative di avvicinamento alla pesca e la possibilità ogni giorno per 4 minori di 14 anni, accompagnati da un maggiorenne, di accedere gratuitamente alla zona no kill.

Saluto con grande soddisfazione l’avvio di questo progetto finanziato dalla Regione nell’ambito della promozione dei contratti di fiume - ha sottolineato il sindaco Nicolò Caleri - Il contratto di fiume è uno strumento che si pone l’obiettivo di individuare soluzioni efficaci per la riqualificazione dei bacini fluviali, promuovendo progettualità territoriali che, oltre al ruolo guida dei Comuni, prevedano anche il coinvolgimento delle comunità e dell’associazionismo locale, in un’ottica di partecipazione attiva. Un progetto meritevole che, insieme agli altri attivati in Toscana, è stato presentato il 5 febbraio 2018 nell’Aula dei gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati, in occasione della Prima Conferenza dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume.  L’attività della pesca - continua Caleri - rappresenta una bella occasione non solo per praticare sport, ma soprattutto per apprezzare e tutelare il nostro ambiente in piena sinergia con altre progettualità realizzate dalla Regione Toscana e dalla nostra Amministrazione, quali la Ciclopista dell’Arno e il recupero del Lungarno delle Monache a Pratovecchio. Come tutti gli sport outdoor  anche la pesca può rappresentare un elemento di forte attrattività turistica e quindi un volano di sviluppo economico per un territorio montano come il nostro. Ringrazio la Regione Toscana e tutti i partner coinvolti quali il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, l’Associazione Pescatori Casentinesi, la FIPSAS di Arezzo, la Troticoltura Puccini e l’Antica Troticoltura Molin di Bucchio”.

Sabato 27 giugno (ore 12.00) nel Lungarno delle Monache a Pratovecchio è in programma l’inaugurazione che, nel rispetto delle vigenti disposizioni anti covid -19, si svolgerà senza pubblico con la partecipazione di rappresentanti istituzionali e partner del progetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento