CasentinoNotizie

Numeri record per l'Avis di Badia Prataglia: 10% in più del 2018

L’Avis del piccolo paese montano del Parco nazionale delle Foreste casentinesi conta 174 donatori attivi, 116 maschi e 58 femmine per un totale di 242 donazioni

L’Avis di Badia Prataglia ha avuto un incremento del 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno contro un incremento di soli 0,1 punti percentuali a livello regionale (dati ufficiali Avis). Ma i numeri dicono anche tanto altro. L’Avis del piccolo paese montano del Parco nazionale delle Foreste casentinesi conta 174 donatori attivi - 116 maschi e 58 femmine - per un totale di 242 donazioni. Il maggior numero di donatori attivi sia maschi che femmine sono nella fascia over 35.

I risultati come questo non arrivano a caso. - commenta Luigi Farini, attuale presidente della realtà associazionisticaPer quanto ci riguarda posso dire che Badia Prataglia ha una lunghissima tradizione, radicata nel tessuto sociale e quindi familiare che consente, anno dopo anno, di incrementare i nostri numeri in tutte le direzioni. Inoltre c’è l’impegno di un intero paese che sostiene da sempre la cultura del dono. Insomma Badia Prataglia ha sempre fatto del volontariato attivo un suo segno distintivo. A tutto questo si aggiunge anche un lavoro capillare fatto da noi tutti per allargare la partecipazione a persone di realtà limitrofe”.

L’Avis di questo paese piccolo ma grande nel cuore, investe molto anche nella promozione nei confronti delle giovani generazioni, lo spiega così il presidente dell’associazione volontari italiani sangue sezione comunale di Badia Prataglia.

Le nostre attività sono molteplici: vanno dagli eventi, alle gite, fino appunto ad un’azione diretta nelle scuole e tra i giovani dove è più difficile arrivare per molteplici motivi. Nonostante questo credo sia un vanto poter dire che nella nostra associazione abbiamo un millennial. Certamente le azioni di promozione e conoscenza dovranno essere anche in futuro uno strumento da sviluppare. Il sangue è vita. Anche nella nostra Regione migliaia di persone vivono grazie alla donazione di sangue, piastrine e plasma. E il gesto del dono va sostenuto e promosso per salvare tante vite umane”.

Badia Prataglia conta anche un record di donazioni “personali” che superano di gran lunga la misura del 100 considerata degna di nota: Widmer Ugolini - oggi donatore in pensione – e Alessandro Acciai sono due di questi esempi virtuosi.

Il prossimo anno l’associazione volontari italiani sangue sezione comunale di Badia Prataglia compie mezzo secolo di vita e di record quasi impossibili per un paesino così piccolo e l’intenzione di fare una grande festa non manca come dimostrano le parole di Luigi Farini.

Inizieremo a lavorare per questo compleanno molto presto;ma soprattutto vorremmo arrivarci con numeri ancora più importanti. Donare è un gesto che cambia innanzitutto la vita di chi lo fa, la cambia radicalmente nel profondo, perché ti rende consapevole che con poco ognuno di noi può fare tantissimo per migliorare la qualità della vita di molte persone malate o che si trovano in difficoltà temporanee. Vorremmo dunque fosse la festa di tutti coloro che credono in questi principi”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

  • "Carne francese venduta come argentina", mega multe dei Forestali a un banco di Street Food

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento