CasentinoNotizie

Un Parco aperto: proposte per tutti nelle foreste casentinesi. Anche un turno di volontariato internazionale

Collaborazione con i tecnici e i carabinieri forestali nel controllo del territorio, in eventuali compiti di gestione della fauna e in attività di manutenzione

Il nono anno di volontariato nel parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna, è ripartito in grande, e lo ha fatto con un programma ulteriormente ampliato rispetto alle precedenti edizioni. I primi turni dell'anno hanno già registrato il tutto esaurito. Gli iscritti ai programmi di partecipazione e condivisione alle attività dell'area protetta - esperienza unica in un territorio straordinario, ricco di fauna e ammantato di foreste secolari -  saranno ospitati nelle strutture dell’Ente. Collaboreranno con i tecnici del Parco e i carabinieri forestali nel controllo del territorio, in eventuali compiti di gestione della fauna e in attività di manutenzione.

Molto attesa, in programma dal 19 al 21 luglio, per la quale ci sono ancora alcuni posti disponibili, è la sessione dedicata alle farfalle (lepidotteri) del progetto life europeo Wetflyamphibia. Prevede iniziale formazione in aula con l'Università di Firenze e attività di monitoraggio, ripristino e salvaguardia degli habitat.  Verranno trattate anche altre specie rare presenti nel Parco come la Parnassius mnemosyne.

Molto interessante è anche il turno estivo, da 29 luglio all'11 agosto (ordinario d'estate), sia per la durata, che permette un'immersione prolungata nel Parco, che per la varietà delle mansioni programmate.

Dal 21 al 23 giugno ci sarà la sessione dedicata agli insetti. Dall'1 al 15 luglio torna il programma - in tutto il territorio protetto, denso di iniziative - con Youth Action for Peace (YAP). Quest'ultima è un'associazione non governativa e senza fini di lucro, membro dei network di volontariato internazionale CCIVS - Coordinating Comitee for International Voluntary Service e ALLIANCE of European Voluntary Service Organisations - realtà operative operative nell’ambito del servizio volontario, dell’educazione e della solidarietà internazionale. Oltre alle attività di lavoro (pulizia e piccola risistemazione sentieri, interventi presso i rifugi, gestione faunistica) ai ragazzi verrà data la possibilità di partecipare a escursioni, iniziative di socializzazione e momenti conoscenza nelle materie che hanno attinenza con l'area protetta.

La programmazione seguirà per tutta la restante parte dell'anno: dal 19 al 21 luglio, con l'appuntamento breve dedicato ai lepidotteri; dal 29 luglio all'11 agosto con il turno ordinario d'estate; dal 20 al 29 settembre con la sessione dedicata al censimento del cervo al bramito; dal 25 al 27 ottobre e dall'8 al 10 novembre con i turni brevi dedicati al lupo; dal 28 dicembre al 5 gennaio con il soggiorno ordinario di Capodanno.

C'è la possibilità inoltre di richiedere turni personalizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Infermiere positivo al Covid: boom di casi in Valdarno. Un infetto anche nella rsa di Bucine

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento