CasentinoNotizie

Arno monitorato durante la notte. Fiumi in piena "ma al momento sotto controllo"

La Protezione civile raccomanda alla popolazione di prestare la massima attenzione e soprattutto di rispettare le indicazioni delle autorità locali.

Piogge molto intense e persistenti hanno interessato per tutta la notte l'intera regione, in particolare i rilievi appenninici, generando piene significative dei corsi d'acqua principali interessati dall'allerta. Le piene maggiori si sono sviluppate lungo il corso del Serchio, il cui colmo di piena è previsto in transito a Vecchiano intorno alle 9,30 con una portata di circa 1350 mc/s.

Molto importanti anche le piene che hanno riguardato i fiumi Ombrone Pistoiese e Bisenzio: alle 8,00 di stamani sono ancora in transito i colmi di piena che hanno raggiunto i livelli di 5,30metri per l'Ombrone a Poggio a Caiano e di circa 5,80 metri per il Bisenzio a San Piero a Ponti.

Si sono registrate piene significative sul Cecina e sul fiume Bruna.

Anche nel Casentino è in corso una piena dell'Arno ma che non dovrebbe comportare livelli significativi a valle.

Piena anche sul Magra con colmo raggiunto alle 3 di stanotte agli idrometri di Calamazza. Hanno funzionato per tutta la notte le idrovore di Aulla. Su tutti i corsi d'acqua è stata comunque attivata, ed è tuttora in corso, l'attività di sorveglianza delle arginature da parte del personale dei Genii civili.

Durante tutta la notte sono stati effettuati incontri di coordinamento in videoconferenza, ogni due ore circa, tra la Sala della protezione civile regionale, il Centro Funzionale e le sale operative di Province e Prefetture, così da valutare congiuntamente l'evoluzione della situazione e le criticità.

Attualmente le precipitazioni risultano in decisa attenuazione rispetto alla notte, si prevede tuttavia la permanenza di livelli alti nei corsi d'acqua ancora per diverse ore.

La Protezione civile raccomanda alla popolazione di prestare la massima attenzione e soprattutto di rispettare le indicazioni delle autorità locali, mantenendosi lontani dai corsi d'acqua, dagli argini dai ponti e dalle zone depresse per facilitare l'attività del presidio idraulico del territorio da parte del personale tecnico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Magazzino sequestrato, lavoratori in cassa integrazione: il paradosso della Cotto Pratigliolmi di fronte al Prefetto

  • Attualità

    Turismo, per Pasqua niente scintille. Comanducci: "Presto saranno le esperienze offerte dal territorio a richiamare i visitatori"

  • Attualità

    Pronto soccorso: reperimento personale e riconoscimento dell'impegno. Le azioni della Regione

  • Cronaca

    Tragedia di Pinarella, oggi l'autopsia su Giovanna: poi tornerà dai suoi cari ad Arezzo

I più letti della settimana

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Schianto all'alba a Pinarella, muore 29enne aretina. Arrestato il guidatore dell'altra auto: era ubriaco

  • Tragedia a Pinarella, Giovanna sbalzata dall'auto e morta sul colpo. L'amica in rianimazione

  • Paese sconvolto per la morte di Sofia Panconi, continua la profilassi

  • Si taglia le vene in piazza: salvata dalla Polizia postale

  • Precipita da un terrazzamento mentre guida il trattore e muore, dramma nelle campagne aretine

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento