CasentinoNotizie

Lo spettacolo degli sbandieratori nella chiesa San Lorenzo: omaggio al patrono

Il gruppo punta sempre più sui giovani, tanto da auspicare una collaborazione con gli istituti scolastici e con le bande musicali del Casentino per riuscire a formare musici che sappiano suonare le trombe

Questa sera, sabato 10 agosto, il gruppo Sbandieratori e Musici Città di Bibbiena festeggia il suo patrono.

Per San Lorenzo, infatti, la tradizione vuole che si stia tutti con gli occhi al cielo aspettando di vedere una stella cadente, così come si sta quando nell’aria volteggiano le bandiere.

Alle ore 18.15 una rappresentanza del gruppo sfilerà da piazza Tarlati alla chiesa di San Lorenzo dove alle 18.30 è in programma la Messa solenne. Alla fine, dentro la chiesa, è previsto un breve spettacolo di 3 minuti realizzato da una coppia di allievi.

"Speriamo che per San Lorenzo il tempo sia migliore del 27 luglio, quando anziché “Bandiere sotto le stelle” abbiamo realizzato “Bandiere sotto la pioggia" - ci scherza su il Presidente Giampiero Polverini – per fortuna grazie alla disponibilità del palatennis abbiamo potuto comunque far esibire i vari gruppi, in particolare quelli venuti da lontano: quello tedesco di Bretten Kraichgau Fahnenschwinger e quello ceco Flag Art Monadria, oltre a Le Diòmeda, al Gruppo Sbandieratori e Musici di Fabriano e a noi padroni di casa. Solo la Compagnia de lo Grifone di Narni non ha potuto realizzare il suo spettacolo perché di tipo pirotecnico".

Intanto il gruppo sta già lavorando per il prossimo anno, anche in vista del quarto consiglio della confederazione europea degli Sbandieratori, previsto il 4 e 5 aprile 2020 proprio a Bibbiena, dove tutto ha avuto origine.

Si tratta di una Confederazione che coinvolge gruppi italiani, tedeschi, cechi, belgi e olandesi e di cui Giampiero Polverini è il Presidente in carica. Ma non finisce qui. Il gruppo punta sempre più sui giovani, tanto da auspicare una collaborazione con gli istituti scolastici e con le bande musicali del Casentino per riuscire a formare musici che sappiano suonare le trombe. Allo stesso tempo, per insegnare l’arte della bandiera, gli sbandieratori si dichiarano pronti a mettere su delle scuole anche in altri paesi della vallata.

Potrebbe interessarti

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • E' morta Nadia Toffa, l'abbraccio di Jovanotti: "Bastava un attimo per volerti bene"

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Schianto tra due auto, feriti due ventenni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento