CasentinoNotizie

Piano urbanistico del Casentino, il Pd attacca il Comune di Bibbiena: "Imu in aumento per i contribuenti"

Il partito democratico punta il dito contro il sindaco Bernardini, paventando il rischio di contenziosi e ricorsi contro l'amministrazione

Con la Deliberazione della Giunta dell’Unione dei Comuni n° 89 del 14/09/2018 è stato finalmente avviato l’iter del nuovo piano urbanistico del Casentino. In questa prima fase soltanto il sindaco Daniele Bernardini propone i contenuti del piano relativi al Comune di Bibbiena; poi sarà il Consiglio Comunale a doverlo adottare ed approvare.

Nell’Allegato 1 della delibera n° 89 viene individuato il territorio urbanizzato, ovvero quelle aree dove si potranno costruire nuovi edifici residenziali e dove la competenza delle scelte spetta esclusivamente al Comune. Nel territorio del Comune di Bibbiena, quasi tutte le zone di espansione residenziale (dette zone C) sono state escluse da questo perimetro e anche intere frazioni: Campi, Guazzi, Farneta, Banzena, Moscaio, Poggiolo. Sarà sicuramente una svista, da rivedere. Ma corrispondono invece a realtà le numerose lettere che il Comune ha inviato chiedendo il pagamento o l’integrazione dell’IMU nell’intervallo 2013‐2018 sulle medesime aree!

Presentato come un ”favore” al contribuente per evitare sanzioni ed interessi in sede di accertamento, il valore venale delle aree è stato determinato con prezzi esorbitanti (fino a 140 €/mc), lontanissimi da quelli attuali di mercato. Inutile vantarsi di applicare una aliquota bassa, se la base imponibile che si determina è esorbitante rispetto a quella di mercato. Alla fine il contribuente pagherà molto di più del dovuto. Ma c’è di più!

Dal 2014 molte previsioni urbanistiche sono decadute, da rinnovare con il nuovo piano urbanistico. In queste zone bianche di solito l’imposta richiesta è molto più bassa, fino al 50%. E sempre dal 2014 il Comune era a conoscenza delle nuove norme statali e regionali sul contenimento del consumo di suolo! Questo è gravissimo! Con un vecchio detto si vuole la botte piena e la moglie ubriaca, alle spalle del contribuente! Tutto ciò innescherà contenziosi e ricorsi a cui la nostra Amministrazione dovrà necessariamente rispondere. E a nulla sono servite, in Consiglio Comunale, le nostre richieste di chiarimenti e di maggior trasparenza. Consigliamo tutti di prendere visione del perimetro approvato (http://www.uc.casentino.toscana.it/wp‐ content/uploads/2018/09/ALLEGATO_1.pdf) e di inviare le opportune osservazioni, prima che con l’adozione del piano tale pianificazione diventi vigente a tutti gli effetti.

Potrebbe interessarti

  • Cattivo odore e calcare, come pulire la lavatrice

  • Piscine all'aperto. Ecco dove andare ad Arezzo e provincia

  • Le origini del nome Colcitrone

  • Piscine interrate, costi e tempi per averne una

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Ritrovati i due bambini dispersi, erano bloccati al fiume con il nonno ferito

  • Cattivo odore e calcare, come pulire la lavatrice

  • Schianto in moto contro un trattore: un ferito grave. Soccorso con Pegaso

  • Sospetta intossicazione da cianuro, tre operai al pronto soccorso

  • Cade dal tetto di casa: ferito un 44enne. Portato in elicottero a Siena

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento