CasentinoNotizie

Maxi piano sul decoro delle aree verdi: manutenzione continua su tutto il territorio

Il vice sindaco Matteo Caporali: "Dobbiamo prevedere una pianificazione a 360 gradi"

“Il settore manutenzione è un ambito in continua evoluzione e soprattutto vive molto sull’emergenza. Vorremmo tuttavia definire, con l’ufficio competente ed i tecnici, un piano che possa garantire un intervento mirato sul decoro urbano e riguardi indistintamente i grandi centri ma anche le frazioni più piccole. Abbiamo installato le fioriere, ma ovviamente dobbiamo andare oltre e prevedere una pianificazione a 360 gradi”.

E’ il vice sindaco Matteo Caporali ad annunciare la predisposizione di un maxi piano sul decoro che riguarda i centri principali ma anche le piccole frazioni. A Bibbiena sono ben 67 le aree verdi e 39.280 i metri quadri da sfalciare tra banchine e scarpate. I tagli lungo le banchine e le scarpate stradali devono essere effettuati almeno tre volte nelle stagioni più calde. A questo si aggiungono 330 alberi ad alto fusto per i quali ogni anno devono essere predisposte potature e spollonature (le operazioni più impattanti a livello di interventi diretti). Ogni anno, inoltre, sono molti gli abbattimenti di piante da programmare vista la pericolosità degli stessi. 

Numeri importanti per i quali nel tempo sono stati predisposti vari piani annuali. Adesso però il vice sindaco spinge per andare oltre e si capisce bene da queste parole: “Accanto alle manutenzioni straordinarie ci sono quei piccoli interventi che diventano significativi poiché hanno un impatto importante nella vita delle persone e nella vivibilità dei luoghi. Ecco, lo studio che abbiamo appena iniziato a predisporre riguarda proprio questo aspetto della nostra attività”. 

“Quello a cui aspiriamo - commenta Caporali - è un piano che possa coprire tutto il territorio intervenendo in modo concertato su piccole manutenzioni per il decoro urbano che dovrà riguardare i centri storici più importanti come quello bibbienese, ma anche le frazioni che caratterizzano il nostro territorio in termini di cultura materiale e bellezze naturali. Un punto altrettanto importante e’ quello della cura. Il comune è la nostra casa. Ogni angolo è nostro come lo sono i nostri giardini. Quindi è importante che le persone, con grande senso civico, si prendano cura di ciò che appartiene loro per cooperare a questo decoro urbano. Spesso piante e giardini non curati finiscono con il compromettere il regolare percorso sui marciapiedi, per fare solo uno dei tanti esempi. Su questo aspetto i vigili urbani sono stati invitati a segnalare i casi più “gravi” diciamo ed eventualmente a sanzionare laddove la situazione risulti particolarmente impattante”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Batterio killer New Delhi in Toscana: arrivano i test rapidi. E Mugnai scrive al ministro della Salute

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Batterio New Delhi: un caso nell'Aretino. Il monitoraggio e la prevenzione in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento